Manipolazione mentale: sai difenderti da Facebook e dal web?

Manipolazione mentale sul web: cambi idea e non te ne accorgi

Tutti sappiamo cos’è la manipolazione mentale attuata dai mass media e oggi in particolare da internet e dai social network; ma siamo in grado di riconoscerla e difenderci da essa?

Come ben sai, ogni volta che navighi nel Web lasci delle tracce digitali (i cosiddetti Big data) che vengono accuratamente archiviate e utilizzate non solo a fini commerciali per proporti dei prodotti di tuo interesse ma anche per la manipolazione mentale: tramite slogan, annunci, post, immagini qualcuno cerca di plasmare la tua mente e farti cambiare idea su molte cose.

Hai visto cos’è successo con lo scandalo Facebook: milioni di ignari utenti del famoso social network hanno compilato un semplice questionario sulla personalità; questi dati sono entrati in possesso di una società, la Cambridge Analytica, che ha studiato la loro psicologia e ha creato campagne pubblicitarie mirate per ogni tipologia di persone. Questo metodo è stato poi applicato con successo nel marketing politico, per indirizzare il voto sulla Brexit e l’elezione di Donald Trump.
Come funziona questo metodo definito psicometria? Quali sono i suoi pilastri che dobbiamo combattere?

 

Non siamo tutti uguali e non siamo tutti diversi

Secondo la psicometria, gli esseri umani possono essere inseriti in classi e categorie in base alle loro caratteristiche; ad esempio, fascia di età, coniugati/single, fumatori/non fumatori, cristiani/islamici, democratici/repubblicani, etero/gay, amanti dei gatti/amanti dei cani, ecc. Questi si chiamano modelli psicografici.

Le tue azioni sono prevedibili

Per ciascuna categoria di persone viene determinato quale sarà il suo comportamento; è quindi possibile attuare degli interventi per modificare questo comportamento (ad esempio, fargli cambiare idea sul voto politico mostrandogli messaggi pubblicitari che lo colpiscono).

La tua mente è facilmente plasmabile

Ci sono temi, argomenti, immagini che ti colpiscono profondamente anche se non te ne rendi conto e in qualche modo agiscono su di te e ti portano a prendere decisioni che non avresti preso.

Come combattere questo sistema di manipolazione mentale? Smettere di usare più internet non ha senso. Piuttosto comincia seguendo questi 3 accorgimenti:

1. Cerca di capire a quale categoria appartieni

Se capisci in quale categoria rientri, diventa più facile per te difenderti dalla pubblicità e dai messaggi che ti passano davanti sulle pagine che visiti. Diventa consapevole di tutto quello che vedi sul web!

2. Guarda le pubblicità

Proprio così: devi guardare le pubblicità e cercare di capire perché proprio a te mandano quel messaggio. Se guardi la pubblicità pensando che c’è qualcosa sotto sarà più facile essere immune al messaggio manipolatorio che viene veicolato.

3. Interpreta i messaggi subliminali

Questi messaggi non passano solamente attraverso le pubblicità ma anche, ad esempio, tramite i post più popolari che Facebook ti mostra (nascondendo dalla tua bacheca i post di altri tuoi amici che magari non sono in linea con il messaggio voluto). Oppure tramite le ricerche suggerite da Google o i commenti ritenuti più importanti che ti vengono mostrati sotto ad un post.

Probabilmente quelle non sono informazioni più popolari, più importanti o suggerite casualmente: dietro ci sta una precisa politica di manipolazione mentale e modifica dei tuoi comportamenti.